Il post sprezzante su FB non è per sè diffamazione dell’ex moglie

Separazione, il contributo alle esigenze abitative non dipende dalla stipula di un contratto di locazione
7 settembre 2022
Sanzione al genitore che ostacola le visite dell’altro
8 settembre 2022

Le critiche all’ex moglie su Facebook non integrano di per sè diffamazione, ai fini della quale da un lato non è sufficiente utilizzare toni forti e sprezzanti, ma dall’altro non è neanche necessario usare parolacce e insulti. Tutto ciò che è richiesto per la diffamazione è che vi sia un attacco personale gratuito, che possa ledere l’integrità morale o professionale della vittima. 

Se le espressioni adoperate non superano il limite della pacatezza (la cosiddetta «continenza»), mantenendosi nell’ambito di una critica che esprime il proprio risentimento , si tratta di una polemica,  che non trascende nell’attacco personale gratuito e che appare pertinente rispetto alla lite in atto circa l’entità dell’importo dell’assegno di mantenimento. 

Cass. penale  sent. n. 32585/2022

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi