I patti tra genitori relativi al mantenimento possono essere modificati dal Giudice

Testamento scritto in stampatello
13 gennaio 2022
Separazione. Gli atti intimidatori sono estranei all’esercizio del diritto di difesa
14 gennaio 2022

A seguito della cessazione della convivenza, il trasferimento al figlio della proprietà di un immobile non mette al riparo il genitore dal versamento dell’assegno di mantenimento. L’accordo, benché valido, e pure in assenza di un sopravvenuto mutamento delle condizioni economiche dei genitori, non preclude al giudice che sia chiamato a valutarne la rispondenza agli obblighi di mantenimento del figlio, e che lo reputi inidoneo o insufficiente allo scopo, di integrarlo e/o di modificarlo. E nell’operare tale valutazione il giudice deve ispirarsi al criterio fondamentale dell’esclusivo interesse morale e materiale della prole (art. 337 ter, 2° co., cod. civ.). Sicché,  l’adozione dei provvedimenti ritenuti opportuni non solo non incontra i limiti processuali ( costituiti dal dovere di rispetto del principio della domanda e del principio dispositivo) di cui all’art.112 cod. proc. civ., “ma, a maggior ragione, non può ritenersi subordinata alla salvaguardia dei patti liberamente stipulati dai genitori nell’esercizio della loro autonomia negoziale, il cui contenuto e la cui congruità formano per l’appunto oggetto di delibazione”.

 Corte di cassazione, sentenza n. 663 del 13/1/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi