Non sempre è la madre ad essere genitore collocatario del minore

Moglie casalinga al sud: mantenimento più alto
20 ottobre 2016
Redditi in nero: non contano ai fini del mantenimnto
28 ottobre 2016

Né l’art. 337 ter c.c. né la Carta Costituzionale, assegnano rilevanza o prevalenza giuridica al criterio della maternal preference (secondo il quale i bambini in età scolare devono essere collocati in via prevalente presso la madre, anche qualora il padre dimostri eccellenti capacità genitoriali), da ritenersi superato, in virtù del principio della bigenitorialità e di quello di parità genitoriale, dalle normative incentrate sul criterio della neutralità del genitore affidatario (c.d. gender neutral child custody laws).

Pertanto, non potendo il solo genere determinare una preferenza per l’uno o per l’altro genitore, il collocatario in via preferenziale potrà essere sia il padre sia la madre in forza di una scelta da effettuarsi considerando il preminente interesse del minore.

Lo afferma il Tribunale di Milano con decreto 19.10.2016, ponendosi in linea anche con la tendenza europea e la giurisprudenza della CEDU, secondo cui è all’interesse del minore nel caso concreto che occorre far riferimento e, quindi, l’indagine sull’individuazione del genitore collocatario va fatta tenendo conto degli elementi di fatto, senza alcuna predeterminazione in base ad apriorismi.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi