Non può essere assegnata la casa in cui il minore non ha mai vissuto

Assegno divorzile: non rileva se l’ex ha lavorato in nero dopo la separazione
14 dicembre 2021
E’ possibile una regolamentazione della frequentazione padre figlio differenziata
15 dicembre 2021

L’assegnazione della casa familiare, rispondendo all’esigenza di conservare l’“habitat domestico”, inteso come il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare, è consentita unicamente con riguardo a quell’immobile che abbia costituito il centro di aggregazione della famiglia durante la convivenza.

Non può quindi essere assegnato l’immobile in cui il minore non ha mai vissuto

L’art. 337-sexies comma 1 c.c. indica quale criterio prioritario per l’assegnazione della casa coniugale l’interesse della prole (dopo la crisi matrimoniale) a continuare a vivere nell’ambiente in cui sono cresciuti e a mantenere le consuetudini di vita e delle relazioni sociali che in tale ambiente si sono radicate

Cass. civ., sez. VI, ord., 14 settembre 2021, 24728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi