Medico non dispone gli accertamenti e non diagnostica il tumore: responsabile per i danni al paziente

Rischia il carcere chi non mantiene i figli e lavora in nero
14 gennaio 2015
Anas risarcisce il danno all’automobilista che slitta sulla macchia d’olio
14 gennaio 2015

Il chirurgo che non dispone l’esame istologico dopo l’operazione, e quindi non diagnostica il tumore, risarcisce il danno biologico e morale perché l’accertamento avrebbe consentito la diagnosi precoce e avrebbe reso possibile curare la malattia, che viceversa in un breve periodo ha reso il paziente invalido. Lo afferma la Cassazione con la sentenza 278/15, pubblicata il 13 gennaio.
Non si tratta infatti di intervento di ruotine: il neo, ritenuto un «angioma sanguinante e ulcerato» era invece un pericoloso melanona. L’esame istologico avrebbe potuto accertarlo, ma il medico ha omesso di disporlo. La negligenza del medico ha inciso notevolmente sull’evoluzione della patologia. E’ il chirurgo a dover provare le ragioni che lo indussero a non approfondire le indagini. I Giudici condannano quindi il sanitario a risarcire il danno biologico e morale nella misura di oltre 350 mila euro.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi