Mantenimento del figlio: il Giudice può ridurlo anche se il padre offre di più

Separazione: il dovere di assistenza è solo affievolito
2 febbraio 2022
Convivenza e assegno di divorzio: la revoca non è automatica
2 febbraio 2022

Il giudice di merito che condanni i genitori al pagamento del contributo per il mantenimento del figlio minore non è vincolato alla domanda delle parte e neppure alla eventuale disponibilità offerta al genitori obbligato al versamento di una somma e tanto perché la natura del diritto azionato conferisce al giudice il potere di adottare di ufficio, in ragione dell’interesse superiore del minore, i provvedimenti che stimi più opportuni per il mantenimento del minore.  Nella specie, ancorché il padre naturale avesse indicato in euro 300 mensili la propria disponibilità economica ai fini del contributo al mantenimento della figlia minore, i giudici del merito avevano fissato l’assegno mensile di euro 250.

Cassazione civile ordinanza 31 dicembre 2021 n. 42140.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi