Maltrattamenti in famiglia anche se la convivenza è finita ma i partners devono relazionarsi per i figli

Il figlio adolescente decide quando stare col padre
24 novembre 2022
I nonni hanno diritto di riprendere i rapporti col nipote che non vedono da anni
27 novembre 2022

il reato di maltrattamenti in famiglia si integra anche quando la vittima delle vessazioni, pur non convivendo più con il partner, continua a mantenere un rapporto con l’autore delle condotte violente per via dei figli.

Terminata la relazione sentimentalei d ue partner restano genitori, con la conseguente necessità di relazionarsi per le quotidiane esigenze dei figli. Quindi, il reato di maltrattamenti in famiglia, e non invece quello di atti persecutori o di stalking, è configurabile nei confronti dell’ex convivente che mantiene con la vittima un legame assimilabile a quello familiare, in ragione dell’esercizio condiviso della responsabilità genitoriale.

 

Cass. penale sent. n. 44263/2022

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi