L’ex moglie deve dare la prova di non potersi procurare i mezzi per essere autosufficiente, altrimenti niente assegno

Reato di maltrattamenti anche verso la convivente
8 luglio 2017
Uso delle prove illecite nei procedimenti di affido del minore
12 luglio 2017

Secondo la Corte d’appello di Salerno sent. 26.6.2017, la condizione di disoccupata dell’appellante «in relazione alla sua capacità di lavoro e anche in relazione all’età» non è di per sé sufficiente a provare lo squilibrio economico che, secondo la donna, si sarebbe venuto a creare con l’ex marito. Osserva il Giudice di secondo grado che è vero che la mera attitudine al lavoro del coniuge in sé considerata non è abbastanza per dimostrare la sua capacità di guadagno, dovendosi tenere conto delle effettive possibilità di svolgimento del lavoro per il quale è idoneo e valutando il contesto concreto in tutti i suoi fattori, ma è vero anche che qualora, come nel caso in esame, si invochi la modifica delle condizioni di divorzio è onere di chi asserisce la maturazione dello squilibrio a suo svantaggio darne prova.
Poiché nel caso di specie la richiedente l’assegno divorzile non ha fornito prova specifica di non essere in grado di potersi procurare, per ragioni a lei non imputabili, mezzi adeguati al raggiungimento dell’autonomia economica, la Corte d’appello rigetta la richiesta di assegno divorzile.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi