La separazione è un diritto: basta che il matrimonio sia divenuto intollerabile

Assegno di mantenimento: vale la disparità tra i redditi
31 gennaio 2013
Corso di pallavolo: il padre rimborsa solo se la spesa era concordata
2 febbraio 2013

Decidere di separarsi anche dopo cinquant’anni di matrimonio è un diritto costituzionalmente garantito. E al coniuge che prende la decisione non può certamente essere addebitata alcuna colpa se ha maturato una condizione di disaffezione e distacco spirituale dall’altro, anche a causa delle continue umiliazioni e vessazioni subite.

Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 2183 depositata il 31 gennaio.

Con la riforma del diritto di famiglia, risalente oramai a quasi quarant’anni fa, la separazione è stata svincolata dal presupposto della colpa: sufficiente è che la convivenza sia divenuta intollerabile e non più proseguibile.

Il diritto alla separazione si fonda su fatti che nella coscienza sociale e nella comune percezione rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale: in sostanza vengono in rilievo anche le percezioni soggettive poiché la soglia di tollerabilità è evidentemente diversa da persona a persona e non può essere messo in discussione o criticato il limite individuale.

Se il coniuge ritiene che tale limite sia stato superato, ha pieno diritto di chiedere la separazione e nessuna colpa per tale decisione gli può essere imputata.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi