La modifica dell’assegno divorzile non è automatica: occorre promuovere il giudizio di revisione

Assegno di mantenimento: con la separazione, non sempre è possibile conservare il tenore di vita
16 luglio 2013
Personalità borderline della madre non ostacola affido condiviso
24 luglio 2013

Le circostanze nuove idonee a modificare le statuizioni economiche contenute nella sentenza di divorzio devono essere fatte valere nell’ambito dell’apposito giudizio regolato dall’art. 9 della l. 898/1970, non potendo altrimenti essere addotte nel procedimento d’opposizione a precetto, allo scopo di paralizzare la richiesta d’adempimento svolta dall’ex moglie.

La Cassazione conferma con la sentenza n. 17618 depositata il 18 luglio 2013 il proprio orientamento in materia: in sostanza, all’ex marito, per sottrarsi al pagamento dell’assegno, non basta sostenere che si sono verificati, dopo il passaggio in giudicato della sentenza di divorzio, fatti idonei a incidere sui suoi oneri economici (come, ad esempio, il fatto che i figli si siano trasferiti a vivere con lui) : occorre infatti far valere le proprie ragioni nell’ambito dell’apposito giudizio di revisione della sentenza divorzile. Diversamente, l’obbligo di pagamento resta invariato.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi