La casa “pesa” sull’assegno

Affido super esclusivo se un genitore si disinteressa completamente della vita del figlio
29 dicembre 2015
Amministrazione di sostegno anche per gestire l’ingente patrimonio se c’è solo lieve ritardo mentale
3 gennaio 2016

Nel determinare la misura del contributo di mantenimento della moglie (affidataria prevalente della figlia minore, disoccupata e non occupante la casa coniugale), occorre valutare il valore economico della casa coniugale rimasta nella disponibilità del marito, conformemente all’orientamento della Corte di legittimità secondo cui, in tema di separazione personale dei coniugi, il godimento della casa familiare costituisce un valore economico – corrispondente, di regola, al canone ricavabile dalla locazione dell’immobile – del quale il giudice deve tener conto ai fini della determinazione dell’assegno dovuto all’altro coniuge per il suo mantenimento o per quello dei figli.

Pertanto, nel determinare la misura dell’assegno di mantenimento a carico di uno dei coniugi, il giudice deve considerare, quale posta passiva, le maggiori spese del coniuge non assegnatario e, comunque, in ogni caso, deve tendere a garantire l’equilibrio economico valutando prioritariamente l’esclusivo interesse dei figli, ove presenti.

Lo ribadisce la Cassazione con l’ordinanza n.25420/2015.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi