Inviolabilità del domicilio nel caso di separazione

Legittima la prescrizione ai genitori conflittuali di un percorso terapeutico
4 marzo 2016
Niente assegno per il coniuge che non prova il tenore di vita
12 marzo 2016

in presenza di una separazione tra i coniugi, anche se soltanto di fatto, con uno di essi che abbia effettivamente abbandonato l’abitazione, l’unico titolare del diritto di esclusione dei terzi va individuato nel coniuge rimasto nella abitazione familiare, con conseguente configurabilità del delitto di cui all’art. 614 c.p. nei confronti di chi vi si introduce o vi si trattiene contro la volontà espressa o tacita di quest’ultimo ovvero clandestinamente o con l’inganno, ivi compreso il coniuge trasferitosi a vivere altrove (Cass. pen, sez. II, n. 217/1962).

Per quest’ultimo, infatti, l’abitazione coniugale non può più considerarsi un luogo dove esplica liberamente la sua personalità.

Conseguentemente si esclude al coniuge non convivente la titolarità del diritto di proibirne o di consentirne l’accesso o la permanenza a terzi estranei nella abitazione coniugale e ciò a prescindere dalla circostanza che l’immobile continui a far parte, pro quota, del suo patrimonio (Cass. pen. 47500/2012)

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi