Insistenti telefonate e sms all’ex: stalking anche se il tono è pacifico

Assegno di divorzio: è indipendente dall’assegno di separazione
4 febbraio 2015
Perde l’affidamento la madre che influenza negativamente il figlio rispetto al padre
9 febbraio 2015

Ex coniuge condannato per stalking ai danni della moglie a un anno e tre mesi di detenzione per averla ossessionata con continue telefonate e sms.
Con la sentenza 5316/2015 la Cassazione Penale ha riconosciuto l’uomo colpevole di stalking, precisando che il reato sussiste allorchè il comportamento persecutorio nei confronti della vittima determina, ai danni di quest’ultima, un fortissimo turbamento a livello emotivo, per via del pressing telefonico, inteso anche come intimidatorio e pericoloso non solo per sé ma anche per le persone a lei vicine (per esempio, i figli e il nuovo partner).
A prescindere quindi dal contenuto e dal tenore delle telefonate e dei messaggi, il comportamento ossessivo, compreso il caso di pochi ma insistenti episodi, integra il reato.
Rileva infatti l’effetto destabilizzante della pressione psicologica compiuta dal molestatore sull’equilibrio psichico della vittima, testimoniato dal timore, da parte di quest’ultima, per l’incolumità propria e per le persone a lei legate, compreso il nuovo partner.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi