Impugnazione del testamento per captazione della volontà testamentaria

Totale disinteresse materno: decadenza e affido al padre
4 settembre 2022
Il Giudice può aumentare i poteri dell’Ads senza ascoltare il beneficiario
4 settembre 2022

Chi sostiene il dolo e/o captazione testamentaria impugnando il testamento deve dimostrare, da un lato, quale implicito presupposto dell’attività di captazione, l’esistenza, in capo al testatore – la cui volontà sarebbe stata subdolamente deviata ed orientata – di una condizione mentale precaria, idonea a subire un condizionamento nella libertà di autodeterminazione del proprio giudizio; dall’altro, l’attività fraudolenta posta in essere dal deceptor in danno del disponente, con l’indebito condizionamento della libera volontà di costui, spettando alla parte che chiede l’annullamento del testamento affermare/allegare i fatti principali, essenziali e decisivi che consentano di identificare e ricostruire l’attività captatoria e la conseguente influenza determinante sul processo formativo della volontà del testatore e sulle decisioni di quest’ultimo nel manifestare le proprie ultime volontà.

• Tribunale Torino, Sez. II, sentenza, 28 luglio 2022, n. 3404

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi