Figlio maggiorenne: occorre provare che si è impegnato per cercare una occupazione stabile

Assegno divorzile: non solo disparità economica
26 ottobre 2021
Pensione di reversibilità all’ex coniuge solo se già titolare d’assegno divorzile
27 ottobre 2021

il figlio maggiorenne ha diritto al mantenimento da parte dei genitori solo se, ultimato il percorso di formazione, dimostri di essersi adoperato concretamente nella ricerca di un’occupazione, tenendo conto di ciò che offre il mercato e ridimensionando eventualmente le proprie aspirazioni. Il giudice deve quindi accertare tutta una serie di elementi nel riconoscere o disconoscere l’assegno di mantenimento al figlio, come l’età, il livello di competenza tecnica e professionale raggiunti, l’impegno nel cercare un’occupazione e in generale la condotta.

In particolare non basta che la figlia lavori “in nero” ed affermare che non sia rimasta inerte e che attivandosi viene contattata da alcuni bar “che la chiamano al bisogno.”:occorre un accertamento concreto sulla attivazione della figlia, ormai trentacinquenne e priva di un percorso formativo alle spalle, di reperire un’occupazione stabile.

Corte di Cassazione sentenza n. 27904/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi