Figlio maggiorenne: l’assegno va versato alla madre se non c’è specifica domanda del figlio

Se il padre abita lontano può essere modificato il calendario di visita
18 settembre 2020
Dopo tre anni dal matrimonio no delibazione sentenza ecclesiastica di nullità perchè lui è gay
19 settembre 2020

“..Il genitore separato o divorziato tenuto al mantenimento del figlio maggiorenne non economicamente autosufficiente e convivente con l’altro genitore, non può pretendere, in mancanza di una specifica domanda del figlio, di assolvere la propria prestazione nei confronti di quest’ultimo anziché del genitore istante. Invero, anche a seguito dell’introduzione dell’art. 155 quinquies cod. civ. ad opera della legge 8 febbraio 2006, n. 54 [oggi confluito nell’art. 337 septies c.c.], sia il figlio, in quanto titolare del diritto al mantenimento, sia il genitore con lui convivente, in quanto titolare del diritto a ricevere il contributo dell’altro genitore alle spese necessarie per tale mantenimento, cui materialmente provvede, sono titolari di diritti autonomi, ancorché concorrenti, sicché sono entrambi legittimati a percepire l’assegno dall’obbligato..” (Cass. n. 25300/2017), con la conseguenza che il genitore obbligato non ha alcuna autonomia nella scelta del soggetto nei cui confronti adempiere (conf. Cass. n. 24316/2013; conf. Cass. n. 18008/2018).

Trib. Bologna sentenza n.1106 del 24.7.2020

Comments are closed.

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi