Figlio di due mamme

Mutamento del cognome del figlio minore
12 settembre 2022
Criteri per la ripartizione delle reversibilità fra prima e seconda moglie
13 settembre 2022

Consentita al nato nell’ambito di un progetto di procreazione medicalmente assistita eterologa, praticata da una coppia dello stesso sesso, l’attribuzione dello status di figlio riconosciuto anche dalla madre intenzionale, poiché tale aspetto impinge sulla discrezionalità spettante al legislatore.

Negare il riconoscimento al genitore intenzionale sarebbe lesiva del diritto al riconoscimento formale di un proprio status filiationis, che è elemento costitutivo dell’identità personale, protetta, oltre che dagli artt. 7 e 8 della citata Convenzione sui diritti del fanciullo, dall’art. 2 della Costituzione, e in contrasto con il principio costituzionale di eguaglianza.
In caso di richiesta di trascrizione di atto di nascita straniero di minore nato da maternità surrogata, il ricorso all’adozione in casi particolari, previsto dall’art. 44, comma 1, lett. d) della legge n. 184 del 1983 e già considerato praticabile dalla Cassazione, costituisce una forma di tutela degli interessi del minore certo significativa, ma ancora non del tutto adeguata al metro dei principi costituzionali e sovranazionali.
Tribunale di Bari, decr. 20 luglio 2022
https://www.osservatoriofamiglia.it/contenuti/17512465
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi