Divorzio dopo 14 anni, ma l’assegno è comunque dovuto

Diritto di abitazione dopo la morte del coniuge: solo se era proprietario
17 giugno 2016
Dopo di Noi: fondo per realizzare soluzioni abitative per i disabili gravi
20 giugno 2016

Resta uguale l’assegno divorzile anche a distanza di anni se dal confronto tra il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio e quello attuale non emergono sostanziali cambiamenti.

Lo afferma la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, con l’ordinanza n. 12542/2016, dichiarando inammissibile il ricorso di un ex marito che chiedeva che l’assegno venisse ricalcolato. Evidenziava che erano trascorsi 14 anni tra l’omologa della separazione e la sentenza di divorzio.

Ma la Cassazione precisa che è un principio pacifico in giurisprudenza quello secondo cui “l’assegno divorzile deve essere riconosciuto e determinato con riferimento alle condizioni reddituali e patrimoniali dei coniugi al momento della pronuncia del divorzio”. A tale momento i giudici di merito hanno fatto riferimento per determinare l’ammontare dell’assegno. Dal raffronto con il tenore di vita goduto dai coniugi nel corso del matrimonio non è emerso negli anni alcun elemento che consenta di ritenere che esso sia sostanzialmente mutato nel lungo periodo intercorso tra la separazione e il divorzio.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi