Conto cointestato? Se alimentato da un solo coniuge, all’altro nulla spetta – Cass. Civ. n. 19115/2012

Rifiuta rapporti sessuali? Si all’addebito della separazione – Cass. Civ. n.19112/2012
7 novembre 2012
Buca sulla strada? Il Comune è responsabile per i danni – Cass. Civ. 19154/2012
10 novembre 2012

La cointestazione di un conto corrente dà luogo a una presunzione di contitolarità dell’oggetto del contratto che può essere superata in presenza di risultanze di segno opposto.

Così ha deciso la Suprema Corte, accogliendo la domanda del marito diretta a chiedere la restituzione delle somme che la moglie aveva indebitamente prelevato dal conto corrente cointestato durante il matrimonio.

La sentenza affronta la questione dei prelievi effettuati dalla moglie sul conto corrente cointestato ai coniugi: secondo il marito, la presunzione di contitolarità potrebbe essere superata in presenza di risultanze di segno contrario. Nel caso di specie, si evinceva dai documenti che il conto era stata alimentato solo dal marito, mentre la moglie effettuava cospicui prelievi tacendolo al coniuge e versandoli su conti propri.

La Cassazione dichara che la presunzione di contitolarità dia luogo solo  all’inversione dell’onere probatorio e possa essere superata con presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi