Buca sulla strada? Il Comune è responsabile per i danni – Cass. Civ. 19154/2012

Conto cointestato? Se alimentato da un solo coniuge, all’altro nulla spetta – Cass. Civ. n. 19115/2012
8 novembre 2012
Assegno di divorzio è autonomo rispetto all’assegno in separazione – Cass. Civ. 17370/2012
10 novembre 2012
Il Comune è responsabile in qualità di custode per i danni prodotti dal cattivo stato di manutenzione delle strade.
il caso: La notte di capodanno una bambina che assiste in piazza, assieme ai genitori, ai festeggiamenti,  a seguito di una caduta determinata dalle cattive condizioni di manutenzione del manto stradale, riporta un danno per il quale il padre chiede il risarcimento al Comune.
La domanda di risarcimento viene respinta sia dal  Giudice di Pace che dal  Tribunale,  ma la Corte di Cassazione capovolge la decisione fondando la responsabilità del Comune sull’art. 2051 c.c.
La responsabilità per i danni causati dalle cose in custodia, quale la strada per l’Amministrazione comunale, è di tipo oggettivo ed è configurabile con la sola dimostrazione del nesso eziologico tra cosa ed evento. Inoltre, prosegue il Collegio, simile responsabilità «prescinde dall’accertamento della pericolosità della cosa e sussiste in relazione a tutti i danni da essa cagionati».
Gli Enti  proprietari o concessionari di strade o di beni demaniali aperti all’uso degli utenti sono custodi degli stessi essendo  in grado di sorvegliare e modificare le condizioni di fruibilità.
Tali  enti hanno l’onere di dimostrare di non aver potuto far nulla per evitare il danno; in assenza di tale dimostrazione, l’ente è comunque ‘salvo’ se l’evento lesivo si verifica in maniera improvvisa per caso fortuito, ad esempio con il concorso di colpa del danneggiato.
Di conseguenza, conclude la Cassazione, all’ente è applicabile la disciplina ex art. 2051 c.c. con riferimento alle situazioni di «pericolo immanentemente connesse alla struttura o alle pertinenze della strada», potendosi configurabile il caso fortuito solo quando le condizioni della stessa mutino in maniera repentina e non prevedibile.
Al danneggiato spetta provare l’evento dannoso e il nesso di causalità, mentre il custode deve provare il caso fortuito e il concorso di colpa del danneggiato.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi