CEDU condanna Italia in tema di tutela delle vittime di violenza domestica

Adozione mite è cosa diversa da adozione piena
15 luglio 2022
La violenza è sempre causa di addebito
16 luglio 2022

 

La prescrizione del reato di maltrattamenti, violenza, non può essere la causa di un mancato intervento di protezione nei confronti di una vittima. La corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) ha condannato l’Italia per non aver agito “con la dovuta diligenzae rapidità nell’affrontare la violenza domestica” non rispettando così gli obblighi contenuti nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Nella sentenza pronunciata in merito al caso Scavone contro Italia (ricorso n. 32715/19), la Corte europea di Strasburgo ha stabilito, all’unanimità, la violazione dell’articolo 3 (divieto di trattamenti inumani e degradanti) della Convenzione nel suo aspetto sostanziale per il periodo dal 19 gennaio 2007 al 21 ottobre 2008, così come la violazione dell’articolo 3 della Convenzione sotto il profilo procedurale. Il caso è emerso dalla violenza domestica subita dalla ricorrente per mano del marito.
CEDU  caso Scavone contro Italia (ricorso n. 32715/19)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi