In caso di divorzio non è configurabile il reato di maltrattamenti in famiglia ma quello di atti persecutori.

Quando i nonni devono mantenere i nipoti
19 ottobre 2022
Madre ostacola le visite della figlia al padre, condannata
21 ottobre 2022

il rapporto tra il reato di maltrattamenti in famiglia e quello di atti persecutori è sì governato dalla clausola di sussidiarietà ex art. 612 bis comma 1 c.p., la quale rende applicabile la fattispecie di più grave di maltrattamenti quando la condotta vale ad integrarne gli elementi tipici, ma deve tenere conto anche dell’eventuale intervenuto divorzio. È, infatti, configurabile l’ipotesi aggravata del reato di atti persecutori (art. 612 bis, comma 2, c.p.) in presenza di comportamenti che, sorti nell’ambito di una comunità familiare, esulino dalla fattispecie dei maltrattamenti per la sopravvenuta cessazione del vincolo familiare ed affettivo o comunque della sua attualità temporale.

Cass. penale Sentenza del 5 settembre 2022, n. 32575

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi