Bigenitorialità compressa solo se reca pregiudizio al minore

Plurimi tradimenti possono determinare l’addebito
30 settembre 2022
Spese straordinarie, per il rimborso non basta il precetto
1 ottobre 2022

 

L’esercizio della bigenitorialità costituisce un diritto per il minore, essendo eziologicamente collegata all’obiettivo di un suo equilibrato sviluppo psico fisico. Tale diritto ha una forte posizione di preminenza all’interno del diritto alla vita familiare e può subire limitazioni od essere compresso solo all’esito di un rigoroso accertamento del pregiudizio che la relazione con uno dei due genitori possa arrecare al minore e non per effetto delle scelte esclusive ed unilaterali di uno di essi, o per comportamenti che se protratti nel tempo oltre un limite ragionevole e non adeguatamente contrastati, possano realizzare una cristallizzazione arbitraria della mancanza di una figura genitoriale. In questo quadro, l’ascolto del minore, ancora in tenera età, non costituisce uno strumento conoscitivo dell’effettiva situazione familiare

Cass. Civ., Sez. I, Ord., 19 settembre 2022, n. 27346

 

 

https://www.osservatoriofamiglia.it/contenuti/17512532/lesercizio-della-bigenitorialita-non-puo-subire-limitazioni.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi