Assegno unico in caso di separazione o divorzio, a chi spetta?

Adozione: va valutata con criterio oggettivo la disponibilità dei nonni a prendersi cura del minore
3 marzo 2022
Diritto di conoscere le origini e madre malata psichica
4 marzo 2022

La normativa sull’assegno UNICO, a differenza di quella disciplinante gli assegni familiari, prevede in linea generale che in  caso di separazione o divorzio l’assegno debba:

a)     essere ripartito in pari misura tra coloro che esercitano la cosiddetta responsabilità genitoriale (art. 6, comma 4, del d.lgs. n. 230/2021).

b)     essere attribuito al 100%, in mancanza di diverso accordo, al genitore che ha l’affidamento esclusivo dei figli.

Pertanto, in caso di affido condiviso  l’assegno unico spetta ad entrambi i genitori nella misura del 50% ciascuno, a prescindere dal fatto che il genitore non collocatario versi o meno l’assegno di mantenimento per i figli.

I genitori  possono comunque  sempre concordare l’erogazione dell’assegno in misura intera al coniuge collocatario : in questo caso, il richiedente l’assegno dovrà indicare nella domanda all’INPS anche i dati anagrafici del secondo genitore dando atto  che le modalità di ripartizione sono state definite in accordo con l’altro genitore.

Resta salva, tuttavia,  la possibilità, anche in un secondo momento, di richiedere che l’erogazione venga suddivisa in misura uguale (al 50%) tra i genitori aventi diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi