Anche con la negoziazione assistita si deve garantire al figlio una adeguata frequentazione del padre

No Ads c’è c’è una rete famigliare di supporto
5 giugno 2017
Rettificazione di sesso: per la CEDU occorre sindrome transgender
7 giugno 2017

Se l’accordo tra i genitori, in sede di negoziazione assistita, prevede poche visite ai figli da parte del padre, a causa degli impegni lavorativi di questi, il pubblico ministero può negare l’autorizzazione. L’accordo viene quindi trasmesso al Presidente del Tribunale il quale sente le parti e verifica se ci sono margini per modificare l’accordo in senso più favorevole ai figli, in modo da consentire a questi di trascorrere tempi adeguati con entrambi i genitori: il Pm è legittimato a rifiutare l’autorizzazione «quando ritiene che l’accordo non risponde all’interesse dei figli», lasciando l’ultima parola al Presidente del Tribunale affinché provveda a garantire una continuità nella relazione tra i figli minori e il genitore non collocatario
Lo chiarisce il decreto 29.5.2017 del Tribunale di Torino con un recente decreto

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi