A chi spetta la pensione di reversibilità ?

Pensione di reversibilità e rinuncia all’eredità
4 novembre 2015
Impedire alla moglie di essere economicamente indipendente non è reato
5 novembre 2015

Hanno diritto alla pensione di reversibilità i seguenti soggetti:

– coniuge superstite, anche se separato;

– figli purché minori di 18 anni oppure studenti fino al 21mo anno di età se frequentano la scuola media superiore o professionale (fino al 26° anno di età se frequentano corsi universitari – nei limiti della durata del corso legale di studio), purché siano a carico del genitore al momento del decesso e non prestino attività lavorativa retribuita. Ai figli inabili spetta a prescindere dall’età;

– genitori, a condizione che: a) non vi siano coniuge e figli b) abbiano età superiore ai 65 anni; c) non titolarità di pensione. Non rilevano le pensioni di guerra e gli assegni di natura assistenziale (invalidi civili, ciechi civili, sordomuti).

– fratelli celibi e sorelle nubili a condizione che: a) non esistono o non hanno diritto alla pensione il coniuge, i figli superstiti e mancano anche i genitori; b) risultano permanentemente inabili al lavoro, anche se di età inferiore ai 18 anni e a carico del deceduto alla data della sua morte; c)non sono titolari di un trattamento di pensione.

La pensione viene stabilita in base alle seguenti aliquote applicate alla pensione già liquidata o che sarebbe spettata all’assicurato:

Coniuge solo: 60%

Coniuge ed un figlio: 80%

Coniuge e due o più figli: 100%

Un figlio: 70% Due figli: 80% Tre o più figli: 100%

Un genitore: 15% Due genitori: 30%

Un fratello o una sorella: 15% Due fratelli o sorelle: 30% Tre fratelli o sorelle: 45% Quattro fratelli o sorelle: 60% Cinque fratelli o sorelle: 75% Sei fratelli o sorelle: 90% Sette o più fratelli o sorelle: 100%

La pensione ai superstiti non può in nessun caso essere, nel suo complesso, inferiore al trattamento minimo (fatti salvi i limiti di reddito) o superiore all’intero ammontare della pensione della quale era – o sarebbe stato – titolare il deceduto.   Come è liquidata la pensione di reversibilità La pensione ai superstiti è liquidata qualora sussista una delle seguenti ipotesi:   –  il deceduto era titolare di pensione di vecchiaia o di anzianità o di inabilità;   –  al momento del decesso l’assicurato aveva raggiunto i requisiti contributivi per le prestazioni di invalidità (cinque anni di contribuzione di cui almeno tre nell’ultimo quinquennio), o quelli richiesti per la pensione di vecchiaia.   Non rileva l’età dell’assicurato deceduto. Alle pensioni ai superstiti non si applica l’elevazione dei requisiti di assicurazione e di contribuzione ai fini del diritto alla pensione di vecchiaia: sono pertanto sufficienti 15 anni di contributi.

 

tratto da  www.laleggepertutti.it

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi