Il tutore dell’interdetto può avviare la separazione coniugale

L’eredità toglie l’assegno divorzile
2 luglio 2018
Collocamento alternato del minore se c’è conflittualità
3 luglio 2018

 

Ritenere che l’interdetto per infermità non possa farsi sostituire da chi è tenuto a rappresentarlo nel porre in essere un atto personalissimo (nel caso di specie,  l’avvocato tutore) equivarrebbe a sostenere che, in concreto, egli ha perso il relativo diritto. Quindi all’interdetto è consentito, tramite il proprio rappresentante legale, il compimento di atti personalissimi (a meno che non gli siano espressamente vietati dalla legge) «ben potendo l’esercizio del corrispondente diritto rendersi necessario per assicurare la sua adeguata protezione». Tra gli atti personalissimi rientra la possibilità di chiedere la separazione o il divorzio

La nomina ad hoc di un curatore speciale che insieme al giudice tutelare valuti l’opportunità di promuovere la relativa azione e ne determini il contenuto, per poi essere autorizzato ad esperirla, è  necessaria solo in caso di conflitto di interessi fra il tutore e il proprio rappresentato, risolvendosi altrimenti in un inutile formalismo. Se non c’è conflitto di interessi tra l’interdetto e l’avvocato suo tutore ne consegue che quest’ultimo era pienamente legittimato a proporre la domanda di separazione in nome e per conto del primo.

Cassazione civ. n.14669/2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi