Violenza psicologica ai danni del coniuge

Erede preleva tutto dal conto cointestato: banca non responsabile
3 giugno 2021
Assegno divorzile: il Giudice non può disporlo d’ufficio
3 giugno 2021

 

Il reato di maltrattamenti in famiglia rappresenta un reato abituale, in cui i singoli episodi possono non avere un’autonoma rilevanza penale, ma costituiscono parte della complessiva e costante situazione familiare oppressiva della vittima e compressiva dei suoi diritti di libertà e di espressione. Le ripetute manifestazioni di mancanza di rispetto e di aggressività conservano il loro connotato di disvalore in ragione del loro stabile prolungarsi nel tempo. Si può, dunque, configurare (come nella fattispecie) tale reato a fronte di ripetute violenze fisiche nei confronti della propria moglie, vittima di una continua e perdurante violenza psicologica, essendo oggetto di umiliazioni e di comportamenti prevaricanti, sì da instaurare un generale clima di tensione e paura in casa, con privazione della propria libertà di movimento e di autodeterminazione.

Trib. Vicenza 14 agosto 2020 n. 472

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi