Testimoni di Geova: vietato al genitore coinvolgere il figlio se prova disagio

No denuncia per furto tra coniugi, anche se riconciliati dopo la separazione
11 giugno 2018
Non c’è obbligo del minore di essere sempre reperibile per un genitore quando sta con l’altro
13 giugno 2018

il criterio fondamentale cui il giudice deve attenersi nel fissare le modalità di affidamento dei figli in caso di conflitto genitoriale è quello del superiore interesse del minore in considerazione del suo diritto a una crescita sana ed equilibrata.

Per perseguire tale obiettivo, può rendersi necessario adottare provvedimenti contenitivi o restrittivi di diritti e libertà individuali dei genitori qualora la loro «esteriorizzazione determini conseguenze pregiudizievoli per il figlio», compromettendone la salute psico-fisica e lo sviluppo.

Nel caso di specie, il padre Testimone di Geova impugna in Cassazione il decreto con cui la Corte d’Appello gli aveva vietato di portare il figlio agli incontri religiosi. La Corte così aveva deciso aderendo ai principi sopra indicati considerato che il divieto posto dal Giudice di merito di condurre la bambina alle manifestazioni della fede dei Testimoni di Geova è fondato sulla CTU con la quale si è accertato che il coinvolgimento in tali pratiche religiose creavano disagio nella minore e ne pregiudicavano l’equilibrata crescita emotiva.

La Suprema Corte dichiara, quindi, inammissibile il ricorso.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi