Shopping compulsivo e amministratore di sostegno – Trib. Varese 3/10/2012

Le e-mail non sono invasive, gli sms sì – Cass. Pen. 44855/2012
22 novembre 2012
Separazione: titoli acquistati con denaro proprio restano personali – Cass. Civ. 19454/2012
24 novembre 2012

La prodigalità eccessiva giustifica la nomina dell’amministratore di sostegno. Così ha deciso il Giudice Tutelare di Varese nel caso di una donna a cui è stata diagnosticata la “oniomania” (sindrome da “shopping compulsivo”), e che stava dilapidando il suo patrimonio e quello della madre, la quale aveva dovuto accollarsi tutti i debiti, anche per l’acquisto di beni superflui e non necessari (cosmetici, scarpe, abbigliamento).

Addirittura, la donna si era licenziata per poter usufruire del trattamento di fine rapporto da investire in tali spese. I parenti, preoccupati, chiedevano la nomina dell’amministratore di sostegno cui affidare la gestione delle finanze e garantire che la donna si sottoponesse ad un programma di riabilitazione.

Il Giudice tutelare, nell’accogliere il ricorso, ha stabilito un percorso che prevede l’intervento di uno psicoterapeuta, del medico curante e del servizio contro le dipendenze; formula inoltre un articolato programma di sostegno che prevede l’apertura di un nuovo contocorrente a favore del malato, la concessione di una carta di debito con la previsione di soglie settimanali fisse di spesa, la predisposizione di un piano degli acquisti, predefinendo le somme mensili effettivamente necessarie per la vita quotidiana. Include una provvista, da ridurre gradualmente, per lo shopping e la redazione da parte dell’interessato di un diario delle compere al fine di responsabilizzarlo. L’amministratore dovrà fornire anche una consulenza, avvalendosi di un legale specializzato, sul vaglio delle varie posizioni debitorie, attivandosi per la mediazione con i creditori e sottoscrivere i contratti e gli acquisti superiori ad € 100,00

L’amministrazione di sostegno è quindi l’istituto giuridico più idoneo a casi analoghi a quello di specie proprio per la sua flessibilità e, volendo, temporaneità, tale per cui, quindi recuperata l’autonomia, l’ADS può essere revocata.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi