Separazione e divorzio: il coniuge non si può opporre

Addebito, basta il sopruso psicologico
10 gennaio 2016
Trust: sconta l’imposta di registro fissa e le imposte ipotecaria e catastale solo nella misura fissa
13 gennaio 2016

L’indissolubilità del matrimonio riguarda solo “l’ordine morale cattolico” e “l’ordinamento canonico”. Di conseguenza, esso non rileva sugli effetti civili del matrimonio concordatario, né può ostruire il diritto – strettamente personale ed irrinunciabile – riconosciuto a moglie e marito dalla legge italiana, di separarsi o divorziare (ossia di far cessare gli effetti civile del matrimonio).

In altre parole non si può impedire al coniuge che lo richiede la operazione o il divorzio.

Lo ricorda la Cassazione con l’ordinanza  1 dell’11/1/2016.

Se il coniuge non vuole aderire alla richiesta dell’altro, si dovrà procedere giudizialmente, cioè depositando tramite avvocato ricorso per separazione giudiziale o cessazione degli effetti civili del matrimonio e scioglimento. Nell’ambito del procedimento instaurato, oltre a pronunciare la separazione o il divorzio, il Giudice deciderà anche le questioni inerenti, ossia mantenimento, assegnazione della casa coniugale (solo se in presenza di prole), affidamento dei figli e loro mantenimento, diritti di visita

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi