Se il marito riduce per un periodo l’assegno di mantenimento, non c’è reato

Coniugi in comunione: il diritto di credito è “personale”, anche quello sorto in base a un contratto preliminare
7 giugno 2016
Convivenza di fatto: il Ministero dà le prime indicazioni per la registrazione
8 giugno 2016

Se il marito riduce autonomamente l’importo dell’assegno mensile da versare alla moglie ma per un periodo breve, sanando poi il pregresso non versato, e non risulta provato lo “stato di bisogno”, non si configura il reato di violazione degli obblighi di assistenza famigliare. Lo ha stabilito la Cassazione, con la sentenza n. 23010/2016, accogliendo il ricorso di un uomo condannato dalla Corte d’Appello a due mesi di carcere e multa per il reato di cui all’art. 570, 2° comma, n. 2, c.p., per “essersi sottratto ai doveri di coniuge separato e padre di due minori” riducendo l’assegno di mantenimento da 4000 a 800 euro e facendo quindi mancare, secondo il Tribunale, i mezzi di sussistenza.

La Cassazione ritiene invece non provato l’effettivo stato di bisogno di moglie e figli determinato dalla riduzione dell’assegno, anche considerato che la donna aveva da parte qualche risparmio.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi