Revisione dell’assegno divorzile: verifica dell’indipendenza economica

La coppia dello stesso sesso è famiglia e può adottare ex art. 44 lett. d) l. 184/1983
5 settembre 2017
La pensione di reversibilità al coniuge superstite, separato o no
7 settembre 2017

Il Giudice investito della richiesta di “revisione” dell’assegno divorzile che incida sulla stessa spettanza del relativo diritto, in ragione della sopravvenienza di “giustificati motivi” deve verificare se i sopravvenuti “motivi” dedotti giustifichino effettivamente, o no, la negazione del diritto all’assegno a causa della sopraggiunta “indipendenza o autosufficienza economica” dell’ex coniuge beneficiario, e non già con riguardo ad un “tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio.

Lo afferma Corte di Cass. n.15481/2017

In altre parole, per ottenere la modifica o l’eliminazione dell’assegno di divorzio, occorre che, dopo il divorzio, siano intervenuti fatti nuovi in forza dei quali il coniuge prima “debole” abbia raggiunto l’indipendenza economica.

Non si fa cioè più riferimento alla sussistenza di mezzi adeguati a mantenere un tenore di vita analogo a quello matrimoniale.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi