Quali beni non possono essere pignorati ?

Niente risarcimento al pedone che inciampa sul coperchio malfermo del tombino
20 febbraio 2014
L’affitto va pagato fino a che le chiavi non sono riconsegnate
27 febbraio 2014

Non tutti i beni del debitore sono pignorabili.
In primo luogo non lo sono i beni di prima necessità ed essenziali per la vita stessa del debitore e delle persone con questo conviventi (art. 514 c.p.c.):
– vestiti, biancheria, letti, tavoli e sedie, posate e utensili, armadi, cassettiere, frigoriferi, stufe e fornelli a gas o elettrici, lavatrici;
– commestibili e combustibili necessari a coprire il fabbisogno di un mese;
– libri, attrezzi e oggetti indispensabili allo svolgimento dell’attività lavorativa e armi utilizzate per l’adempimento di un pubblico servizio.

Sono impignorabili anche i beni aventi un particolare valore affettivo e morale, come: la fede nuziale, gli oggetti sacri o necessari alla professione del culto religioso, le decorazioni al valore, la corrispondenza, gli scritti di famiglia e i manoscritti, purché non appartengano a collezioni di pregio.

Sono invece parzialmente pignorabili (artt. 515 e 516 c.p.c.):
1) gli oggetti adibiti al servizio e alla coltivazione del fondo – che possono essere sottoposti ad espropriazione forzata solo in mancanza di altri beni mobili su cui soddisfarsi;
2) i frutti raccolti o separati dal suolo – che possono essere pignorati separatamente dall’immobile al quale accedono soltanto nelle ultime 6 settimane precedenti alla naturale maturazione degli stessi e i bachi da seta che si trovino sui rami a formare il bozzolo.

Per quanto riguarda i crediti, invece, l’art. 545 c.p.c. stabilisce che non sono assoggettabili ad esecuzione forzata: i crediti alimentari (come quelli dovuti in regime di separazione); i sussidi dovuti per maternità, malattie e funerali da casse di assicurazione, enti assistenziali o benefici, e quelli destinati al sostentamento di persone in stato di indigenza.

Non possono essere pignorate, infine, le pensioni minime, di solito identificate con la pensione sociale INPS riproporziona sul reddito e l'”ampiezza” del nucleo familiare; mentre, per la parte di pensione eccedente questa soglia, il pignoramento non può superare la quota del 20%.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi