Quando è possibile allontanare il minore dalla famiglia ?

Accesso a Facebook altrui con password: è reato
22 dicembre 2017
Ex moglie casalinga che non ha mai lavorato: si all’assegno ma solo per lo stretto indispensabile
29 dicembre 2017

Un figlio può essere tolto alla famiglia di origine solo in situazioni eccezionali: in caso  di degrado che può sfociare nella violenza fisica o psichica, nella malnutrizione o quando il bambino rischia di rimanere vittima di un reato o di essere costretto a vivere con genitori tossicodipendenti, alcolisti o coinvolti direttamente o indirettamente nel mondo della prostituzione. In questi casi, il minore  «temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, nonostante gli interventi di sostegno e aiuto disposti, è affidato ad una famiglia, preferibilmente con figli minori, o ad una persona singola, in grado di assicurargli il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e le relazioni affettive di cui egli ha bisogno».  In alternativa, se una famiglia non si trova,  il minore dovrebbe essere accolto in una comunità familiare o in un istituto pubblico o privato, possibilmente vicino al suo nucleo familiare.

La procedura è attivata su segnalazione da parte di chiunque sia a conoscenza della situazione  ai servizi sociali, che, verificati i presupposti, si rivolgono al tribunale, che poi dispone  di affidare il bambino ai servizi sociali. E’ possibile che il bambino resti presso la madre e il padre ma col monitoraggio dei servizi e l’attivazione di un servizio di supporto alla famiglia; oppure che venga disposto l’affido temporaneo ad altra famiglia, comunità o istituto.

Se i genitori si oppongono, il Tribunale per I Minorenni adottare provvedimenti di grave limitazione o decadenza dalla  genitoriale se il pregiudizio per il bambino è grave, oppure ordinare di per gravi motivi, di togliere il figlio alla madre ovvero di allontanare il minore dal genitore o convivente che lo maltratta o che abusa di lui.

Il provvedimento di affido temporaneo indica sempre il modo in cui i genitori o gli altri componenti del nucleo familiare possono avere dei rapporti con il minore, la durata dell’affidamento e incarica il servizio sociale  di monitorare la situazione e di informare il tribunale di eventuali sviluppi.

Venuta meno la situazione di difficoltà temporanea che l’aveva originato oppure quando il protrarsi dell’allontanamento vada a discapito del bambino, l’affido può cessare e il bambino viene reinserito nella propria famiglia.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi