Niente addebito alla moglie che lascia la casa coniugale quando la crisi è oramai irreversibile.

Convivenza di fatto: il Ministero dà le prime indicazioni per la registrazione
8 giugno 2016
Leggere chat o emal per scoprire un tradimento è lecito ?
12 giugno 2016

Niente addebito alla moglie che lascia la casa coniugale quando la crisi è oramai irreversibile.

Lo afferma la Cassazione con l’ordinanza 11785/2016, confermando la decisione della Corte d’Appello che aveva ritenuto non provati i comportamenti violativi di doveri coniugali di fedeltà e di assistenza da parte della moglie e al contempo  ha  deciso che l’allontanamento dal domicilio coniugale da parte della stessa è avvenuto “in prossimità del giudizio di separazione, quando la frattura tra i due coniugi era già apparsa irreversibile”.

Per cui, ciò fa riscontrare “l’assenza di un nesso causale tra tale atto e il determinarsi dell’intollerabilità della convivenza”.

La decisione è conforme ai criteri legislativi e giurisprudenziali anche sull’assegno di mantenimento che va confermato in modo da dare la possibilità al “coniuge più debole economicamente di conservare con i propri mezzi un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio”.

 

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi