Nessun mantenimento per la figlia maggiorenne a cui il padre ha intestato una quota della sua società

Al marito dispotico va imputata la colpa della separazione
3 febbraio 2014
Eredità dopo il divorzio fa cessare l’assegno per l’ex
6 febbraio 2014

Niente mantenimento per la figlia trentenne a cui il padre divorziato ha regalato una quota della società: l’essere socia nell’azienda famigliare la rende economicamente autosufficiente.
Così la Corte di cassazione con l’ordinanza 2236 del 3 febbraio 2014: nel caso di specie il padre aveva intestato alla figlia 32enne una quota (il dieci per cento) del capitale sociale dell’attività di distribuzione di carburanti di sua proprietà. Tanto basta a renderla indipendente economicamente, sebbene concretamente disoccupata: è sufficiente il fatto che volendo la ragazza avrebbe potuto lavorare percependo uno stipendio presso l’impianto della società del padre, di cui è anche socia.
Non vale a scusare il rifiuto della ragazza di proseguire l’attività lavorativa il fatto che l’abitazione sia distante dal luogo di lavoro.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi