Nell’impugnazione del riconoscimento della paternità occorre il curatore speciale del minore

Nuova famiglia di fatto del coniuge divorziato fa cessare l’assegno
3 febbraio 2016
Il coniuge ha diritto di ottenere dal Fisco le informazioni sui redditi dell’altro
4 febbraio 2016

Se il genitore impugna il riconoscimento di paternità è necessaria la nomina di un curatore speciale per il minore.

Interviene la Corte di cassazione con la sentenza n. 1957/2016 ed offre un’interpretazione costituzionalmente orientata del d.lgs. 154 del 2013, che sul punto tace. Secondo la Suprema Corte, la mera omissione normativa della previsione espressa della nomina di un curatore speciale del minore legittimato passivo, nell’impugnazione del riconoscimento di paternità non ne esclude la necessità ex ante e impone di colmare, mediante un’interpretazione costituzionalmente e convenzionalmente orientata, e in via analogica, la lacuna normativa rimasta tale anche dopo l’entrata in vigore del d.lgs n. 154 del 2013, non essendo giustificabile, alla luce dei parametri sopra indicati, che nella prima ipotesi sia sempre necessaria ex lege la nomina del curatore speciale mentre nella seconda ipotesi, la nomina sia fondata su una valutazione caso per caso del tutto incompatibile con la tendenziale uniformità di regime che caratterizza il sistema di tutela del minore nelle azioni di stato alla luce della riforma

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi