Il coniuge ha diritto di ottenere dal Fisco le informazioni sui redditi dell’altro

Nell’impugnazione del riconoscimento della paternità occorre il curatore speciale del minore
3 febbraio 2016
Revocabile il trasferimento della casa da marito a moglie
4 febbraio 2016

Nel procedimento di separazione o divorzio, il coniuge ha diritto di ottenere dall’Agenzia delle Entrate le dichiarazioni dei redditi dell’altro relative agli ultimi tre anni e tutte le comunicazioni all’anagrafe tributaria che lo riguardano. Il termine entro cui l’ente deve provvedere è di 30 giorni, senza dunque attendere che sia il giudice civile a disporre indagini della Finanza. E ciò perché il coniuge convenuto in giudizio ha un interesse diretto ad accedere ai documenti in possesso delle Entrate in base alla legge 241/90, come modificata dalla 15/2005.

Attenzione: non solo quindi accesso ai dati contenuti nei quadri Rn dei modelli Unico perché la domanda di ostensione dei documenti proposta dal coniuge corrisponde a una situazione giuridicamente tutelata e collegata agli atti per i quali è richiesto l’accesso all’amministrazione finanziaria. In pratica, di fronte alla domanda di mantenimento per moglie e figlia, il marito ha diritto di conoscere punto per punto le entrate della moglie. E inoltre deve poter accedere alle comunicazioni inviate da tutti gli operatori finanziari all’anagrafe tributaria, sezione archivio dei rapporti finanziari, relative ai rapporti continuativi, alle operazioni di natura finanziaria e ai rapporti di qualsiasi genere, riconducibili alla moglie, anche in qualità di delegante o di delegata.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi