Matrimonio: chi risponde dei debiti assunti dai coniugi in comunione dei beni?

Assegno di mantenimento: sospeso solo se l’ex inizia una convivenza stabile col nuovo compagno
17 settembre 2013
Matrimonio, debiti personali: ne risponde il coniuge che li ha assunti
18 settembre 2013

Marito e moglie sono responsabili per le obbligazioni assunte nell’interesse della famiglia e ne rispondono col patrimonio comune, se non basta anche con i beni personali.

 

Entrambi i coniugi rispondono dei debiti contratti durante la vigenza della comunione legale.

Precisamente, gravano sulla comunione i debiti riguardanti (art. 186 cod. civ.):

1)      pesi e oneri gravanti sui beni comuni al momento dell’acquisto (mutui, ipoteche, imposte, ecc.);

2)      debiti per amministrare e gestire i beni stessi (i debiti sorti successivamente all’acquisto dei beni comuni e concernenti l’amministrazione ordinaria, ossia le spese di gestione, ad esempio le spese condominiali, di manutenzione, d’assicurazione);

3)      spese per il mantenimento della famiglia e l’istruzione ed educazione dei figli ed ogni altra obbligazione contratta dai coniugi, anche separatamente, nell’interesse della famiglia (alimentazione, vestiario, arredamento della casa, cure mediche, vacanze, ecc.);

4)      ogni altra obbligazione contratta congiuntamente dai coniugi.

 

Debiti contratti da un solo coniuge nell’interesse della famiglia

Che succede, invece, se i debiti vengono contratti da un coniuge separatamente, ma nell’interesse della famiglia?

In questo caso, i coniugi rispondono prima con i beni della comunione, e in un secondo momento con quelli personali (art. 191 cod. civ.):

1)      in primo luogo, i creditori aggrediscono i beni facenti parte della comunione;

2)      se i beni della comunione non sono sufficienti a soddisfare i debiti, e il debito è stato contratto da un solo coniuge, questi risponde con tutti i suoi beni dell’intero debito;

3)      se i beni del coniuge contraente non sono ancora sufficienti ad estinguere il debito, i creditori possono attaccare i beni dell’altro coniuge, estraneo al contratto, ma solo nella misura massima della metà del credito.

 

Cosa accade in caso di separazione dei coniugi

Occorre distinguere:

1) debiti assunti prima della separazione, anche da uno solo dei coniugi nell’interesse della famiglia: vale la regola detta in precedenza

2) debiti assunti da ciascun coniuge separatamente dopo il provvedimento di separazione (che è causa dello scioglimento della comunione legale): ciascuno è responsabile del debito esclusivamente con i propri beni, e i beni acquistati restano di esclusiva proprietà.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi