Maltrattamenti in famiglia: danno morale implicito

Affidamento condiviso anche se il padre è aggressivo e impulsivo
4 settembre 2015
Trust: accolta la domanda di revocatoria ordinaria ma il trust non è nullo
5 settembre 2015

In caso di maltrattamenti il danno morale va riconosciuto anche se non concretamente provato  perché «la consumazione di un reato, per di più incidente sulla qualità della vita della vittima in maniera così stringente, non richiede una diretta dimostrazione dell’esistenza delle conseguenze dannose, che discendono dall’accertamento dell’illecito».

E’ quanto afferma la Cassazione penale con la sentenza 35975 del 4 settembre 2015: i maltrattamenti sussistono se c’è la reiterazione di una serie di fatti che, che da soli possono sembrare di lieve entità. Secondo la Corte, «la condotta di maltrattamenti si estrinseca anche con il compimento di atti che isolatamente considerati non costituiscono reato, ma che siano rivelatori del clima di oppressione e prevaricazione imposto dall’autore dei fatti all’interno del nucleo familiare».

Nel caso di specie i maltrattamenti erano stati accertati mediante le concordanti dichiarazioni della donna e del figlio sulle condotte dell’uomo, oltre che da alcuni biglietti di minaccia scritti dall’uomo.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi