Le reiterate violenze fisiche e morali sono già di per sè motivo di addebito

I ratei di mutuo pagati da un coniuge durante il matrimonio e fino alla separazione non sono ripetibili
17 marzo 2022
Rilevanza civile e penale della gelosia morbosa
18 marzo 2022

le reiterate violenze fisiche e morali, inflitte da un coniuge all’altro, anche sotto forma di continuate offese ed espressioni oltraggiose e denigratorie della persona, rappresentano violazioni talmente gravi dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare, di per sé sole considerate, non soltanto la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti la intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all’autore di esse, il loro accertamento esonera il giudice del merito dal dovere di procedere alla comparazione, ai fini dell’adozione delle relative pronunce, col comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze, trattandosi di atti che, in ragione della loro estrema e significativa gravità, sono comparabili solo con comportamenti omogenei

ex multis, Cass. civ. Sez. I, ordinanza 10.12.2018, n. 31901; Cass. civ. Sez. VI-I, ordinanza 19.02.2018, n. 3925; Cass. civ. n. 7388/2017,

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi