La denuncia falsa nei confronti del coniuge può comportare l’addebito della separazione

Al padre “alienato” può andare l’affidamento esclusivo dei figli
8 dicembre 2018
Assegno di divorzio: prevale la natura assistenziale?
11 dicembre 2018

La falsa denuncia in malafede nei confronti di un coniuge (ad es, do violenza subita), può comportare l’addebito della separazione e quindi la perdita dell’assegno di mantenimento .Tale comportamento infatti mina in modo grave e determinante l’unione della coppia e può essere considerato come la causa principale della crisi del matrimonio

Per avere calunnia occorre il dolo, ossia  l’intenzione deliberata di accusare falsamente una persona di un reato che non ha mai commesso e della cui innocenza si è ben consapevoli.

se un coniuge denuncia l’altro  per una violenza subita commette calunnia se dovesse risultare che i fatti, per come dichiarati, non sono veri o si sono verificati in modo completamente diverso.

Questo comporta  anche l’addebito, perdendo così la possibilità di chiedere l’assegno di mantenimento all’ex marito. Il giudice dovrà comunque accertare che la crisi della coppia è stata determinata proprio dalla falsa accusa e non da fatti anteriori che avevano già determinato il distacco e il clima di distacco.

Cass. ord. n. 20374/18 del 1.08.2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi