Indagini tramite la polizia tributaria sui redditi in nero solo se la prova per il coniuge è molto difficile

Commette reato il genitore che ostacola i rapporti tra il figlio e l’altro genitore
22 luglio 2022
Assegno per il maggiorenne va versato al genitore
23 luglio 2022

Ai fini dell’accertamento del tenore di vita familiare, necessario a quantificare l’assegno per moglie e figli in sede di separazione o di divorzio, rilevano anche i redditi “in nero” goduti dalla famiglia

il giudice può disporre accertamenti patrimoniali tramite la polizia tributaria allo scopo di far emergere, nel processo, consistenze economiche non palesate dalle parti, nel caso in cui  la prova di esse risulta molto difficile o impossibile per il coniuge controinteressato.

Il giudice però non può disporre tale indagini a solo fine investigativo, senza che vi sia un principio di prova che faccia sospettare l’evasione. Non bastano cioè le semplici insinuazioni della moglie o i sospetti: devono sussistere fatti precisi e circostanziati a fronte dei quali soltanto il giudice ha il dovere di disporre le indagini della polizia tributaria. 

Cass. civ., sez. I, ord., 19 luglio 2022, n. 22616

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi