Il paziente non deve provare la colpa del chirurgo, ma il nesso di causa tra danno e operazione

Disabile: quando il posto auto riservato in condominio?
30 agosto 2013
Il coniuge separato può essere obbligato dal Giudice a pagare il mutuo
5 settembre 2013

Per i danni post operatori il medico è responsabile se il paziente prova il nesso di casualità tra l’intervento e le conseguenti lesioni. Oltre a l’esistenza del rapporto di cura, il danno e il nesso causale.

Il paziente non deve invece provare la colpa del medico.

Ad affermarlo è Corte di cassazione con la sentenza 19873 del 29 agosto 2013.

Nel caso di specie il paziente sosteneva che l’errore del medico  nella tecnica chirurgica di saturazione della ferita le aveva causato la sterilità.

I Giudici ritengono tuttavia non provato il nesso tra l’operazione e il conseguente stato di sterilità. La paziente avrebbe dovuto dimostrare la mancata riferibilità della condizione di sterilità ad altre cause, pregresse o esterne, idonee a far ritenere la riconducibilità della condizione stessa al fatto dei sanitari.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi