Il genitore deve stare attento ad introdurre il nuovo partner nella vita dei figli

Come impedire che l’anziano sposi la badante? L’Ads non sempre basta….
12 maggio 2017
Quali effetti ha la determinazione della residenza abituale del minore ?
13 maggio 2017

La presenza di un nuovo compagno (o compagna) non deve turbare i figli nel loro rapporto con il genitore presso cui convivono.
I genitori separati o divorziati non devono coinvolgere troppo il nuovo partner nei rapporti con i figli se questi vengono turbati dal mutato contesto famigliare. Quindi, se i minori mostrano disagio nel rapportarsi al nuovo compagno del genitore con cui vivono, il giudice potrebbe disporre il collocamento presso l’altro genitore.
Lo afferma la Cassazione sent. n. 11448/17 del 10.05.2017: se c’è il rischio di un pregiudizio per minori – al loro equilibrio psichico e, quindi, alla crescita sana – meglio se il partner non è presente, seppure ciò limiti il diritto del genitore a rifarsi una vita

Nel caso deciso dalla Cassazione, all’esito di una consulenza espletata da un perito, i figli di una coppia divorziata avevano manifestato disagio per il comportamento della madre che – da quanto riferito dai figli stessi – aveva mostrato eccessiva tendenza a «coinvolgere nella loro vita il suo nuovo compagno». Comportamento, questo, che, secondo gli esperti, contrastava con l’esigenza della prole di «elaborare il cambiamento nei tempi dovuti». Preso atto di ciò, il tribunale ha modificato la loro residenza, collocandoli presso il papà.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi