Divorzio congiunto: non si può cambiare idea dopo che è stato chiesto

Trust autodichairato: ancora una decisione sull’imposta ipotecaria e catastale in misura fissa
25 marzo 2017
Marito si scopre impotente dopo anni: ok al disconoscimento ma prima occorre la prova del DNA
29 marzo 2017

In tema di divorzio congiunto, la revoca del consenso di uno dei coniugi non determina l’improcedibilità della domanda introdotta ai sensi dell’art. 4 l. 898/1970, identificandosi nella convenzione a firma congiunta una duplice natura: processuale-ricognitiva, in riferimento alla sussistenza dei presupposti legali per la pronuncia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, che compete in via esclusiva al Tribunale che sul punto ha pieni poteri; sostanziale-negoziale, in ordine alla disciplina dei rapporti economici e, quanto ai figli, anche personali, sottratti alla valutazione di merito del Collegio se non nei limiti del contrasto con il superiore interesse della prole, o per la tutela dell’ordine pubblico, del buoncostume e della liceità degli accordi. Ne consegue che la revoca del consenso dinanzi al Tribunale è irrilevante sotto l’aspetto processuale-ricognitivo, e inammissibile sotto quello sostanziale-negoziale, salvo che il consenso prestato sia viziato da violenza, dolo o errore essenziale. Così il Tribunale di Bari, sentenza n. 5960/2016

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi