Diniego di volere figli di per sè non è motivo di addebito

Giudizi de potestate: competente il Giudice della residenza abituale del minore
20 aprile 2021
Genitori residenti in Stati diversi, competente il Giudice della residenza abituale
22 aprile 2021

Non può ritenersi meritevole di accoglimento la richiesta di addebito fondata sulla circostanza dedotta dalla moglie della manifestata volontà da parte del marito di non avere figli, laddove questo diniego del marito sia da far risalire a data di gran lunga antecedente rispetto al momento della separazione, allorquando pur senza fornire indicazioni documentali il marito avrebbe informato la moglie di essere impotente e di non poter avere figli. Il perdurare del matrimonio per almeno un paio di anni, rispetto a tale rivelazione dello stato di pretesa impotenza escludono un diretto collegamento della stessa rispetto alla crisi coniugale e dunque l’addebitabilità della separazione sotto tale profilo al marito

Tribunale di Torino, sentenza 150, sezione Settima civile del 15-01-2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi