Chirurgia estetica (rimozione del tatuaggio): il paziente deve sapere che l’aspetto fisico potrebbe peggiorare

Assegno per i figli va sempre pagato: non basta far regali, il contributo deve essere regolare
6 giugno 2014
Illegittimo il divieto di fecondazione eterologa
12 giugno 2014

Nella chirurgia estetica, le conseguenze dell’omesso consenso informato sono particolarmente gravi, trattandosi, di solito, di interventi non necessari (nel caso di specie, la rimozione di un tatuaggio). In tali casi, il medico deve informare la paziente dell’ipotesi che il trattamento potrebbe anche peggiorare l’aspetto fisico. Solo così il paziente è posto in grado di fare una scelta consapevole, accettando eventualmente il pericolo di non raggiungere il risultato sperato. Quando il chirurgo viene meno a detto obbligo di informazione, scatta la colpa medica nonostante che l’intervento sia stato eseguito in modo corretto. E ciò senza che occorra stabilire se, in caso di consenso informato, il paziente avrebbe o meno accettato di affrontare l’operazione, come invece accade quando l’operazione era necessaria e tuttavia risulta avere pregiudicato la salute dell’assistito.
Lo afferma la Cassazione con la sentenza n. 12830/14.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi