Buca sul marciapiede: il Comune deve risarcire i danni

Smarrita la valigia: la compagnia paga anche il contenuto
5 febbraio 2013
Nella separazione dei genitori il minore ha il diritto di ad essere ascoltato
7 febbraio 2013

Passeggiando per Roma, cade a causa di un buco sul marciapiede: il Comune deve risarcire i danni.

Lo ha ribadito la Cassazione con la sentenza n. 2094/2013: basta il nesso di causa tra la caduta e i danni riportati. La responsabilità del Comune è oggettiva, ossia prescinde da colpa o dolo. Il Comune ha un dovere di custodia sulle strade. Il danneggiato deve essere tanto più prudente quanto più è pericoloso l’oggetto in uso. Se il bene non è pericoloso e il danneggiato usa scarsa diligenza, il nesso di causa tra l’evento e il danno non è interrotto.

Nel caso di un incidente causato da una imperfezione del manto stradale il Comune/Ente custode è sempre responsabile a meno che «non dimostri di non aver potuto far nulla per evitare il danno». Solo se il vizio (buca, crepa, ecc..) si determina improvvisamente, si configura il caso fortuito che esonera l’Ente da responsabilità. Per valutare la prevedibilità o meno «della repentina alterazione dello stato della cosa, occorre avere riguardo al tipo di pericolosità che ha provocato l’evento di danno».

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi